Fanghi di depurazione: chiediamo chiarezza

2010 Settembre 4
by IPC Montescudaio

La Federazione delle Liste Civiche Insieme per Cambiare chiede ai sindaci dell’Alta e bassa Val di Cecina di intervenire verso l ‘Amministrazione Provinciale di Pisa per comprendere il forte interessamento di questa per l’utilizzo dei terreni agricoli della nostre zone per spargere i fanghi residui della depurazione propagandati come fertilizzanti.
Come liste civiche riteniamo incomprensibile e incompatibile questo uso di fanghi con la nostra agricoltura: incomprensibile perché in contrasto con il principio di da tanti condiviso di dover rilanciare il settore agricolo oggi in forte crisi con prodotti tipici e di alta qualità coltivati con metodi biologici; incompatibile perchè appunto si cerca di smaltire rifiuti prodotti dalle industrie che non sono compatibili con la coltivazione biologica o tradizionale.
L’Assessore Provinciale all’Ambiente deve chiarire quale politica intende fare: il rilancio della produzione agricola di qualità o favorire lo smaltimento dei residui industriali?
In alcuni comuni abbiamo già presentato apposite mozioni affinchè le amministrazioni comunali vietino lo spargimento dei fanghi.
Il Sindaco di Montescudaio, Aurelio Pellegrini, ha già dichiarato la propria contrarietà all’operazione e la disponibilità a prendere provvedimenti in riguardo, mentre Riparbella già lo esclude nei regolamenti vigenti. Ci auguriamo che su tale materia ci possa essere concordanza tra maggioranze e opposizioni per evitare il rischio di uno snaturamento del l’assetto agricolo-ambientale della nostra bella campagna.
Vogliamo ricordare inoltre all’Amministrazione Provinciale come su questa materia si stia navigando a vista in mancanza di una regolamentazione concordata con le varie amministrazioni locali nella quale dovrebbe essere chiara la tipologia dei residui, la loro compatibilità con la produzione agricola, la metodologia del loro utilizzo, i soggetti addetto al controllo di tutta la fase dello spargimento dei fanghi nonché i risultati delle eventuali sperimentazioni eseguite, al cui esito positivo andrebbero legate le autorizzazioni a spargere i fanghi nelle nostre campagne.
Come liste civiche non siamo quelli del No ad ogni costo, ma vogliamo valorizzare sempre di più le ricchezze che ci ha donato la natura, in questo caso i terreni agricoli , investendo nell’ambiente ed in produzioni di qualità.

L’interrogazione presentata in Comune a Montescudaio

I commenti sono chiusi