Il programma di Insieme per Cambiare: crisi economica, bilancio del Comune, servizi comunali

2014 Maggio 12
by IPC Montescudaio

A fronte dell’attuale grave crisi economica, di cui si è già fatto cenno in premessa, oltre a rendersi indispensabile una politica e lo sviluppo di concrete azioni di collaborazione virtuosa con i comuni limitrofi, il Comune quale ente di prossimità per eccellenza, dovrà moltiplicare gli sforzi per favorire e sostenere le aziende e le attività presenti sul territorio ai fini della tenuta dell’occupazione e di una possibile ripresa. Per questo, andranno intavolate e consolidate possibili politiche attive in collaborazione con le categorie produttive e le parti sociali. Siamo, infatti, consapevoli che solo con logiche di sistema può affrontarsi l’attuale situazione.
Intendiamo prevedere, con l’Unione dei Comuni, la costituzione di un apposito sportello aziende: un servizio che, interfacciandosi in particolare con la Camera di Commercio, si qualifichi quale punto di riferimento per le aziende locali, finalizzato ad “affiancarle e supportarle” e poter fornire informazioni per misure, bandi agevolativi, iniziative provinciali/regionali/statali/europee.
Sul fronte del bilancio comunale, va osservato che i Comuni vivono una condizione finanziaria senza precedenti, a causa della crisi economica e dei continui tagli operati dallo Stato. Il Patto di Stabilità, di cui occorre chiedere la revisione, non consente assunzioni e spese per investimenti, contribuendo a deprimere l’economia, mentre l’emergere di nuove situazioni di disagio richiede sempre maggiori interventi da parte dell’ente locale. Per far fronte a questo stato di cose occorre attuare una politica finanziaria comunale improntata a rigorose scelte di priorità e al controllo della spesa. Grande attenzione andrà riservata al contenimento delle imposte e delle tasse al fine di evitare ulteriori carichi su famiglie ed imprese. Ugualmente dovrà essere assicurato il contenimento del costo dei servizi resi dal Comune assicurando in ogni caso la qualità e l’efficienza degli stessi.
in tale contesto, andrà valutata l’eventuale introduzione di misure di razionalizzazione della spesa pubblica.

Nessun commento finora

Lascia un commento

Note: Puoi usare alcuni tag XHTML nei commenti. La tua email non sarà mai pubblicata

Iscriviit ai commenti via RSS